Conviene investire in oro? I numeri dicono di si, visto che negli ultimi 20 anni il bene prezioso si è rivalutato del 500%. E il 2023 sarà ancora un anno interessante per gli investimenti in oro…

Roma, 20 dicembre 2022 – Il 2023 sarà l’anno dell’oro. A dichiararlo uno studio della banca UBS, che vede un buon apprezzamento dell’oro in vista del calo dei tassi di interesse della Fed nel secondo semestre del prossimo anno. Fattore questo che negli scorsi cali dei tassi  ha sempre giocato a favore del bene prezioso.

L’oro da sempre è considerato il bene rifugio per eccellenza, per mettersi al riparo in vista di recessioni dell’economia o durante le fasi di turbolenze dei mercati.

Ma oltre che essere un bene rifugio l’oro si è dimostrato negli anni un importante strumento di investimento visto che negli ultimi 20 anni ad esempio si è rivalutato del 500%. 

Infatti la quotazione dell’oro nel 2002 era di circa 10 euro al grammo, e la valutazione dell’oro 750 era di circa 7 euro al grammo.  Quest’anno la quotazione media dell’oro è  stata di circa 54 euro al grammo, mentre la valutazione oro 750 è stata intorno ai 40 euro al grammo.

Una bella crescita per gli investitori del bene prezioso, pari ai guadagni di borsa e ben maggiori rispetto ai guadagni delle obbligazioni.

PERCHÉ L’ORO CRESCERÀ ANCHE NEL 2023

Oltre l’abbassamento dei tassi secondo lo studio della UBS ci sono altri 3 fattori che decreteranno l’apprezzamento dell’oro nel 2023.

In primo luogo l’aumento in corso degli acquisti da parte degli investitori a lungo termine e delle banche centrali, i cui acquisti al terzo trimestre 2022 sono già superiori agli acquisti di tutto il 2021.

Il secondo fattore a giocare in favore dell’oro è lo spazio di crescita del bene prezioso nei panieri degli investitori, che ad oggi ancora sottovalutano questo tipo di investimento.

Il terzo fattore chiave è la forte domanda dell’oro sui mercati, soprattutto perché ci sono grandi paesi come la Cina e l’India che ne stanno facendo incetta.

INVESTIRE NELL’ORO: QUALE IL MOMENTO GIUSTO?

Dalle esperienze passate il momento giusto per investire nell’oro è subito prima dell’abbassamento dei tassi di interesse. Cosa che sta per avvenire appunto nel corso del 2023.

A spiegarci se conviene investire in oro oggi è il Dott.Antonio Maesano da sempre nel mondo dei metalli preziosi, fondatore e Presidente del gruppo Orodei e Orodei24, e autore del libro ‘Gli ultimi 20 anni dell’oro‘.

“È sempre complicato scegliere un momento di entrata per un investimento, ma il buon senso ci dice che viste le buone prospettive dell’oro per il 2023 ogni eventuale calo del prezzo nel breve termine non può che rappresentare un’occasione di acquisto e accumulo. Da adesso fino al prossimo semestre si sta aprendo infatti una finestra ideale per investire in oro, proprio perché i tassi di interesse cominceranno a scendere e gli investitori si rifugeranno nell’oro.

E il passato ci ha dimostrato che approfittare dei periodi di prezzi bassi dell’oro nel lungo termine ha sempre ripagato gli investitori“, spiega il fondatore di Orodei24.

COME INVESTIRE IN ORO OGGI

Diversamente da come si potrebbe pensare investire nell’oro è più semplice di altri tipi di investimenti.

Basta scegliersi infatti un’azienda seria per la compravendita di lingotti d’oro (www.orodei24.com/lingotti-oro-coniati-it), e comprare la quantità desiderata, in corrispondenza dell’importo che si vuole investire.

Poi il lingotto potrà essere custodito in un posto sicuro, come una cassetta di sicurezza di una banca, che conserva nella più totale privacy i beni preziosi dei propri clienti, senza conoscere il reale contenuto delle cassette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *