A Sorrento la cantante scozzese premiata come protagonista di un documentario musicale prodotto per la TV tedesca.

Napoli, 28 ottobre 2022 – Al Teatro Tasso di Sorrento sabato 29 ottobre alle ore 19.30 una grande star della musica britannica Amy Macdonald. Ad annunciarlo Mario Esposito, direttore artistico  del “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” produzione televisiva promossa dal Comune di Sorrento guidato da Massimo Coppola.

Amy Macdonald, 12 milioni di dischi venduti nel mondo, 200 milioni di stream su Spotify, ha ottenuto quattro album nella Top 5, ha raggiunto la vetta delle classifiche in dieci paesi nel 2007 con il singolo “This is the life” (Vertigo Records) tratto dall’omonimo album, che divenne la colonna sonora dei Millennials; una canzone, secondo la critica, che riuscì a cogliere le inquietudini di un’intera generazione che fece del “non avere scopi nella vita se non vivere” il suo credo.

“Il non pensare al domani è una libertà che può aprire il baratro del vuoto esistenziale, ma anche spingerti a riempire il domani con qualcosa di utile”.

Amy Elizabeth Macdonald, classe ’87,  è  una  glasvegiana doc, è infatti nata a Bishopbriggs, sobborgo di Glasgow, la città più italiana della Scozia, sposata con il calciatore Richard Foster, colonna della difesa dell’Aberdeen, poi Rangers, oggi del Partick Thistle, si è fatta conoscere agli inizi della carriera come cantante delle cover dei REM e dei Tears for Fears, ma appartiene a quella generazione di talenti del cantautorato scozzese che in Paolo Nutini ha trovato la massima espressione compositiva e poetica.

Amy si è formata però con i Travis, altro grande gruppo rock scozzese della scena Britpop. Di lei ricordiamo anche il brano “Poison Prince”,  canzone sulla tormentata vita di Pete Doherty, altro cantante icona della musica indipendente britannica.

Apprezzati della sua produzione d’esordio anche i singoli L.A. e Run, che fanno parte sempre del fortunato album “This is the life”. Nel 2010 torna al successo con il singolo Don’t Tell Me That It’s Over, tratto dal secondo album A Curious Thing al quale seguiranno nel 2012 “Life in a Beautiful Light” e dopo cinque anni, nel 2017, “Under Stars”. Nel 2018 pubblica la sua prima compilation  “Woman Of The World” (The Best Of 2007-2018), che include tutti i suoi precedenti singoli e l’inedito Woman Of The World.

Il 28 agosto 2020 pubblica il singolo The Hudson che anticipa il suo quinto album The Human Demands, nove milioni di ascolti quando è stato lanciato sul finire del 2020, e siamo al 2022 con l’arrivo sulle piattaforme di “Amy Macdonald Greatest Hits Full Album 2022”, che raccoglie tutta la sua produzione musicale con brani cantati dal vivo, tutti caratterizzati dal suo marchio di fabbrica, vale a dire la martellante energia indie e il lirismo evocativo che infonde a tutte le sue interpretazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *